Una live music con oltre 60 artisti. A Teramo per la Giornata Mondiale della Musica riparte lo spettacolo (rispettando sicurezza e distanziamento sociale) in uno dei quartieri simbolo della città.

Convocateci dal vivo, hanno chiesto gli artisti e i lavoratori del mondo dello spettacolo. Lo abbiamo fatto.

Il 20 e il 21 giugno a Teramo, probabilmente fra i primi in Italia, a Teramo si svolgerà una live music all’aperto con oltre 60 artisti: rispettando il distanziamento sociale e le norme di sicurezza. L’iniziativa è organizzata da Lectus Teramo e dalla onlus  Citta della Conoscenza  con il sostanziale contributo –  organizzativo,  finanziario e di idee  –  dei condomini 19/21 delle palazzine di Via Tevere e via Pescara nel quartiere di San Berardo di Teramo. Da loro è partita una raccolta fondi che è stata fondamentale per avviare il progetto. Un progetto che ha come protagonisti l’arte e i luoghi, la cultura declinata in chiave di rigenerazione urbana e sociale in uno dei quartieri simbolo della città, nato attorno alla chiesa di San Berardo grazie all’edilizia popolare degli anni 60 e 70.

Le strade , i giardini e gli slarghi diventano palcoscenici e teatri. Ai concerti che si susseguiranno nel corso delle due giornate si potrà assistere previa prenotazione dei posti attraverso una piattaforma digitale.
I cittadini volontari e le associazioni di Protezione Civile si occuperanno della sicurezza e della sanificazione dei luoghi. Performer e compagnie teatrali animeranno le due giornate con spettacoli dal vivo dedicati ai bambini di tutte le età.

Una imponente organizzazione che parte dal basso resa possibile dalla sentita adesione degli artisti che hanno accettato di partecipare senza un cachet e solo con il rimborso delle spese.  
Fra musicisti, attori, perfomers e lavoratori dello spettacolo (tecnici delle luci, scenografi, macchinisti, fonici, service)  oltre 90 persone.

“Il messaggio è: si può fare, si deve fare  – dichiara il direttore artistico Renato Pilogallo – naturalmente è rivolto a tutte le amministrazioni pubbliche, a chi programma e a chi può e deve tornare a investire nell’arte, nella musica, nella cultura. Il nostro è un contributo di idee, una testimonianza. Non ci sono solo i musicisti ma tutte le categorie del mondo dello spettacolo:attori,  fonici, tecnici delle luci, scenografi.  In Italia circa 300 mila persone. Noi allestiremo due teatri all’aperto, un’altra area sarà dedicata ad uno spazio di free music. Ci vuole un grande lavoro per produrre cultura, bellezza, divertimento.  Progettare dopo il COVID si può e si deve fare“.

Stanno contribuendo alla realizzazione del progetto: Conservatorio Braga (che fornisce due pianoforti), Società dei Concerti “Primo Riccitelli, Comune di Teramo (un particolare ringraziamento agli assessori agli eventi Antonio Filipponi e al verde pubblico, manutenzione, patrimonio pubblico  Valdo Di Bonaventura per la fattiva collaborazione logistica e organizzativa); il Bim; l’Ater; la Croce Bianca, il coworking “Wide Open” ; che sta organizzando la piattaforma per le prenotazioni on line, “Imago Comunicazione”.   Sono state presentate richieste di contributo anche alla Fondazione Tercas, alla Camera di Commercio e a Confindustria. La manifestazione al momento ha un bilancio in uscita di circa 13 mila euro (con gli adempimenti sicurezza previsti dalle misure anti COVID che fanno lievitare i costi delle iniziative pubbliche).

La manifestazione è stata presentata questa mattina nello slargo fra via Tevere e via Pescara. Hanno voluto esserci il sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto; la presidente dell’Ater ( Agenzia edilizia residenziale) Maria Ceci; gli assessori del Comune di Teramo Valdo Di Bonaventura, Antonio Filipponi, Andrea Core; i rappresentanti della onlus “Città della conoscenza” Claudio D’Innocenzo e Claudio della Figliola; i condomini del 19/21 (per loro è intervenuto  Daniele Di Battista).

 

 

Programma di massima
Saranno allestiti due teatri  in via Tevere dal civico 21 (250 posti) e in via della Pescara (senza numero civico)  200 posti; giardini Ater (via Tevere) 100 posti. Affluenza massima 1000 posti con prenotazione obbligatoria  attraverso la piattaforma digitale Eventbrite rintracciabile da domani sulla pagina FB di Lectus.
Ogni spazio concerto può essere prenotato per un’ora (poi sanificazione) ed entra un altro gruppo.
20 giugno, ore 10 in via della Pescara con attività ludico espressive per i bambini (performer, writers , marionettenisti, trapezisti e due buskers).  Dalle 16 free music (solisti) in via Tevere (giardini Ater).
21 giugno, concerto alle 18 omaggio a Ezio Bosso; dalle 21  concertone che apre con la suite del secondo movimento di Bach per violoncello. A seguire si esibiscono tutti gli artisti che hanno aderito.

Gli artisti
Paolo Di Sabatino,  Arturo Valiante, Maurizio Mattioli, Danilo di Paolonicola, Massimiliano D’Aloiso, Viviana Casadio, Alessia Martegiani, Margherita Maria Paci, Toni Fidanza, Massimiliano Coclite, Franco Di Donatantonio,  Alba Riccioni, Dario Di Giammartino, Assunta De Marcellis, Luca Strappelli, Glauco Di Sabatino, Martin Diaz, Michele Spataccini, Michele Creati, Antonio Gambacorta, Bruno Marcozzi, Tommaso Paolone, Davide Rasetti, Nick Barulli, Perla,  Rebecca Rastelli, Gianluca Caporale, Massimiliano Caporale, Giorgia Caporale, Sabatino Matteucci, Fabrizio Medori, Attilio Spagnuolo, Gedo, Hade, Vince “Daddy” Butterfly, Alex Ricci, Marco Calcinaro, Carlo De Signoribus, Erika Secondino,  Angelo Trabuzzo, Marco Di Marzio, Michele Rapini, Abramo Riti, Federico Di Domenicantonio, Michele Lavanga, Carlo Lanciotti, Roberta Cipollone, Damiano Tatulli, Magda White, Andrea Pazzarulli, Franco Cifà, Gianluca Pompei, Federico Castagna, Pierluigi Zenobi, Rosa Maria Castiglia, Nancy Fazzini, Marco Pediconi….ma l’elenco è destinato ad aumentare.
..e inoltre
Arterea, MC.Hade, i writers  Gedo e Spatt, La Compagnia delle Tende,  Compagnia teatrale “Gli Sbandati”, la compagnia del “Rospo Rosso” .